"E avvenne che, al ritorno di Gesù, il popolo lo accolse volentieri: perché tutti lo stavano aspettando".

Luca 8:40.

 

La versione riveduta è, in alcuni punti, anche se non in molti, migliore della versione originale. Il nostro testo è uno dei pochi casi in cui c'è un miglioramento:

 

"E quando Gesù ritornò, la moltitudine lo accolse, perché tutti lo stavano aspettando".

Luca 8:40.

 

Abbiamo già notato, nella nostra lettura, che nostro Signore è andato dove non è stato accolto. Attraversò il lago di Galilea fino al paese di Gerasa, e lì ebbe una cattiva accoglienza, e fu persino invitato dal popolo a lasciare le sue terre. Eppure, sebbene Gesù sapesse in anticipo il trattamento che avrebbe ricevuto lì, ci andò. Non vi rimase a lungo, ma vi rimase abbastanza a lungo per realizzare un grande scopo di grazia. Al suo sbarco su quella riva inospitale, un povero uomo, tenuto in cattività da una legione di demoni, fu liberato; e, così facendo, il Maestro si arrese alla malsana, scellerata e scortese richiesta dei Geraseni, e tornò dall'altra parte del lago.

Il Signore Gesù Cristo può ancora entrare in una famiglia che non lo vuole, che non desidera riceverlo. Un uomo di Dio può passare di là e trattenersi per una notte. Il Vangelo stesso può essere portato alle persone in un certo quartiere, ed esse possono sentirlo, anche se non desiderano riceverlo. Ebbene, se questo è il vostro sentimento, miei ascoltatori, non siate oppressi da quella che considerate la grande calamità di Cristo che si avvicina a voi, non siate disturbati dal timore di essere costretti a essere salvati contro la vostra volontà. Il Signore Gesù Cristo non resterà dove non è voluto; come ha ordinato ai suoi apostoli, quando sono stati perseguitati in una città, di fuggire in un'altra, così Egli stesso lo fa. Se non viene ricevuto qui, se ne andrà altrove. Ma confido che, almeno, non lascerà la vostra famiglia che non lascerà il vostro quartiere malvagio finché non avrà vinto da essa qualche trofeo della Sua grazia fino a quando non avrà preso "uno di una città, e due di una famiglia", per "portarli a Sion". Egli si diletta ancora a riunire a sé i malvagi che dominerà, i nudi che vestirà con le vesti della giustizia, e i demoniaci che farà sedere ai suoi piedi, come fece l’indemoniato di Gerasa quando fu ristabilito in salute di mente. Ho visto accadere questo più e più volte, ed è stata una cosa benedetta per coloro che Cristo ha così liberato e salvato; e se n'è andato, su richiesta di coloro che non lo desideravano, eppure non se n'è andato finché non ha lasciato dietro di sé una testimonianza della sua potenza, che ha continuato, dopo la sua partenza, a raccontare ciò che il Signore ha fatto per lui. Così, è stato piantato un albero, che Satana non può sradicare; ed è stata accesa una luce, che tutte le potenze delle tenebre non possono spegnere. Eppure, ahimè! Ci sono ancora alcuni che non vogliono Cristo e lo trattano così male che se ne va via da loro, come è andato via dalle coste di Gerasa.

Ma ora guardate l'altro lato del racconto, e imparate da esso che, mentre alcuni non riceveranno Cristo, ci sono altri che sono ansiosi che Egli si rechi da loro. Quando Gesù prende la barca e passa dall'altra parte del mare, "la moltitudine lo accoglie, perché tutti lo stanno aspettando". Ministro di Cristo, servo del Signore, se sarai respinto in un luogo sarai ricevuto in un altro. Se oggi dovete scrollarvi di dosso la polvere dei piedi contro gli uditori insensibili, può darsi che domani troverete qualcuno il cui cuore il Signore ha aperto, che riceverà volentieri il vostro messaggio, che verrà a Cristo e in Lui troverà la salvezza. Che grazia che tutta la terra non sia fatta di sassi! C'è ancora un po' di "terreno onesto e buono". Non è dappertutto che la porta è chiusa, così che i servi di Dio non possono entrare; ma, in molti luoghi, un ingresso ampio è dato dalla potenza dello Spirito Santo, e i servi di Dio sono in grado di entrare. Ovunque Cristo è accolto, lì ci si può aspettare di vedere la sua potenza. Leggendo il capitolo, abbiamo visto che in questo caso è stato così.

Il popolo ha aspettato, il popolo ha dato il benvenuto, e poi Cristo ha espresso la Sua potenza fino a quando il popolo si è meravigliato. Se in questo momento siamo in attesa di Cristo, e se ora accoglieremo Cristo, diventeremo un'assemblea che si interroga, meravigliandosi di ciò che la grazia di Dio ha fatto in mezzo a noi. Dividerò il mio discorso in questo modo. Prima di tutto, ecco un bello spettacolo: "Tutti aspettavano Lui". In secondo luogo, ecco un arrivo sicuro: "Gesù è tornato". La gente lo attendeva tutta, così Lui è venuto da loro. E, terzo, ecco un caloroso benvenuto: "La moltitudine lo accolse, perché tutti lo stavano aspettando".

  1. Prima, poi, ecco un SEGNO BELLO: "Lo stavano tutti aspettando". Cercherò di mostrarvi questo bellissimo spettacolo in quattro immagini. Penso che sia uno spettacolo molto bello, prima di tutto, vedere un'assemblea in attesa, quando tutte le persone si sono riunite, non per ascoltare della bella musica, o semplicemente per ascoltare la voce di un uomo, ma desiderose di incontrare Dio, desiderose di sentire la potenza di Gesù Cristo. Beatissimo predicatore che si deve rivolgere a un simile pubblico!

Benedetto il pubblico che è stato portato in una tale condizione! "Erano tutti in attesa di Lui".

Solo per un minuto o due, guarda le nostre comunità ordinarie e vedi se il nostro testo è vero riguardo ad esse.

Ahimè! Il popolo non è tutto in attesa di Gesù, perché non tutti si sono riuniti nell'ora di culto. Alcuni arrivano in tempo e prendono posto; ma non è così per gli altri. Non parlo di voi, miei ascoltatori, perché vi esento da questa descrizione. Non entrereste se arrivaste in ritardo, per cui in genere non ci provate; ma sapete com'è di solito in molti luoghi. Arrivano distaccamenti di ritardatari, percorrendo la navata, interrompendo la prima preghiera. Altri arrivano in ritardo durante la lettura delle Scritture. La Parola di Dio sembra così spregevole nella loro considerazione che percorrono la navata come se si trattasse di un libro non importante che viene letto. Poi arriva il canto, e alcuni vi si uniscono di cuore; ma altri non sanno nemmeno di che inno si tratti, perché sono appena arrivati; e ho saputo che alcuni fratelli e sorelle, in certi luoghi, sono arrivati così tardi che il ministro aveva quasi finito la sua predica, ed erano appena in tempo per tornare a casa con la congregazione. Questo non dovrebbe essere il caso in nessun luogo, e non è il caso in cui tutti stanno aspettando Gesù. Mi piace il pensiero di quella brava donna che diceva di non andare mai a una funzione in ritardo, perché faceva parte della sua religione non disturbare il culto delle altre persone; vorrei che tutti fossero d'accordo con lei. Oh, quanta perdita di spiritualità, quanta perdita di benedizione, è venuta da quella gente che, invece di riunirsi tutti insieme, aspettando il Salvatore con un tale rispetto per il suo santo nome che non penserebbero di arrivare in ritardo! Chi va a trovare un re terreno è sicuramente puntuale; preferirebbe aspettare un'ora nell'anticamera piuttosto che far aspettare un momento il monarca. Ma cosa devo dire di quelli che pensano che sia un'operazione dolorosa partecipare all'adorazione di Dio, e quindi rimandano l'operazione all'ultimo momento possibile? Quello fu un bello spettacolo in casa di Cornelio il centurione, quando, prima dell'arrivo di Pietro, aveva fatto venire tutti i suoi parenti e amici vicini, per poter dire all'apostolo: "Ora dunque siamo tutti qui presenti davanti a Dio, per ascoltare tutte le cose che vi sono comandate da Dio". Erano tutti lì, tutti pronti, tutti in attesa, tutti pronti ad ascoltare e tutti contenti di ascoltare. Più di queste comunità ci sono, più lo Spirito di Dio opera, più numerosi saranno i convertiti e più il regno di Cristo si diffonderà tra gli uomini. Dico tutto questo perché so che ci sono molte persone di altri luoghi che stanno adorando con noi, e so anche dall'osservazione quanti sono coloro che guardano alla casa di Dio come a un luogo da cui possono allontanarsi in qualsiasi momento. Non sia così con voi, cari amici, indipendentemente dal luogo di culto; ma che si dica di voi ogni volta che Cristo viene nella comunità: "Tutti lo stanno aspettando".

FINE PRIMA PARTE

UN SERMONE N°2593 DI C. H. SPURGEON,

TRADOTTO DALLA CHIESA CRISTIANA EVANGELICA PENTECOSTALE ADI DI PIACENZA.

SERMONE IN LINGUA ORIGINALE DA: www.spurgeongems.org

 

 

 

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.