Una seconda immagine, ancora più bella, è quella di una chiesa in attesa del Signore Gesù Cristo, una congregazione orante che si riunisce per cercare una rinascita della religione attraverso la presenza più manifesta del Signore Gesù Cristo in mezzo a loro. Vorrei che tutti i membri delle chiese che sono in uno stato di declino dicessero a sé stessi: "Questo stato di cose non va affatto bene; non possiamo sopportare questo grigiore e questa morte".

Oppure, se tutta la chiesa non lo dirà, sarà una grande grazia se una dozzina o una ventina di uomini e donne fedeli si riunissero insieme e dicessero: "Non possiamo sopportare di tenere queste funzioni di sabato e questi incontri di sera durante la settimana senza conversioni; mese dopo mese che passa, e nessuna aggiunta alla chiesa, nessun potere apparentemente con la Parola". Non vorrei che si riunissero insieme per censurare, criticare, o riversare le loro comuni lamentele, ma vorrei che si riunissero distintamente per attendere il Signore in preghiera, implorando la sua promessa:

"Ecco, io sono sempre con voi, fino alla fine del mondo". Mi sembra di vedere un'assemblea come quella, tutti a supplicare seriamente il Signore, tutti intorno al seggio della misericordia, a posare tenere argomenti forti della Parola, e supplicarli davanti a Dio. Li guardo mentre si allontanano, e vanno a casa; stanno ancora pregando, e alla prima occasione si ritroveranno di nuovo insieme;  e, con più lacrime e maggiore urgenza, presenteranno lo stesso grido sincero: "Ritorna a noi, o Signore Gesù! Ritorna, ti supplichiamo, o Dio degli eserciti: guarda in basso dal cielo, ed ecco, e visita questa vite; e la vigna che la Tua mano destra ha piantato, e il ramo che hai fatto forte per Te". O Pastore d'Israele, la siccità è stata lunga, i pascoli sono aridi, la terra stessa è arida; ti supplichiamo di riempire le nuvole di pioggia, di innaffiarci con la grazia, di farci uscire dall'aridità e di far sì che la nostra aridità scompaia, e il deserto si rallegri e sbocci come la rosa". Nell'immaginazione, vedo queste persone che si riuniscono settimana dopo settimana spesso pregando da sole, e poi pregando in compagnia, facendo riecheggiare lo stesso grido all'altare di famiglia; e poi, dopo aver pregato, sono tutti in attesa, uomini e donne e bambini, dicendo: "Quando verrà Gesù? Nella speranza che ci sia una migliore predicazione e che i loro compagni di chiesa e soprattutto che essi stessi siano più spirituali; si guardano intorno alla congregazione per vedere se ci sono segni di convertiti o di anime ansiose; sono tutti in allerta, aspettando una risposta alle loro preghiere, e quindi in attesa di quella risposta, e pronti, non appena Dio manda il frutto, a raccoglierlo dall'albero e a conservarlo. Ah, fratelli e sorelle, vedremo cose più grandi di queste se una volta entrati in quella condizione benedetta, perché si possa dire di noi: "Tutti aspettavano Lui". Se abbiamo incontri di preghiera come quello di domani, che è il nostro giorno di preghiera speciale in relazione alla Conferenza del Collegio, che giorno di preghiera sarà tutti con un unico accordo in un unico luogo a piangere per le benedizioni! Potremmo aspettarci di avere un'altra Pentecoste per far balzare i nostri cuori dentro di noi con gratitudine e lode a Dio. "Erano tutti in attesa di Lui" oh, che bello spettacolo agli occhi degli angeli, e del Maestro degli angeli, vedere il suo popolo che Lo aspetta!

 

Ora la terza bella immagine; e questo, è un peccatore in cerca e in attesa di Cristo nella confessione e nella preghiera. È di sopra, nella quiete della sua stanza; nessuno tranne Dio lo vede, perché ha fatto attenzione a chiudere la porta. È inginocchiato al suo capezzale; dice poco, ma piange molto. Non può dire molte parole, ma il suo cuore si spezza per il desiderio di Cristo. Confessa la sua indegnità; sa che se Gesù di Nazareth passa, e lo lascia ancora nelle tenebre, se lo merita. China il capo basso davanti al Signore e grida: "Ho peccato". Dopo un po' di tempo, comincia a invocare la promessa: "Tu hai detto: 'Colui che viene a Me non lo scaccerò saggiamente'". Signore, io vengo a Te; Ti sto aspettando; vieni da me! Segna la sua fede in lotta. Dice: "Signore, insegnami a credere e fammi sapere cosa significa avere fiducia in Te! Volentieri lo farei, spero di farlo. Signore, io credo; aiuta Tu la mia incredulità! Ancora più ferventemente grida: "Signore, dammi riposo! Signore, vieni e porta via il peso del mio peccato! Signore, ti supplico, splendi su di me! Ora, per settimane, ho gridato a Te; quando verrai da me? Signore, in questi mesi mi sono inchinato ai piedi della Tua croce e ho cercato di guardare in alto, ma non vedo ancora alcuna luce. Forse è la mia ignoranza che Ti nasconde ai miei occhi; forse è la mia incredulità; forse, è un peccato che ancora porto con me.

Se è così, Signore.

"L'idolo più caro che abbia mai conosciuto,

Qualunque sia quell'idolo,

Aiutami a strapparlo dal Tuo trono,

E venerare solo Te".

Ho detto che era una bella immagine che stavo per descrivervi, e così è; eppure ci sono in una tale scena, sospiri, gemiti, lacrime e singhiozzi; e gli uomini che amano i piaceri del mondo fuggono da essa. Ma gli angeli stanno in piedi a guardare, con il dito sulle labbra; e quando, finalmente, rompono il silenzio, i santi si sussurrano l'un l'altro: "Ecco, egli prega"; e poi la loro prossima parola è: "Alziamoci e andiamo a dire agli spiriti splendenti davanti al trono, perché quest'uomo che prega non è lontano dal regno; e dobbiamo dire loro di gioire con noi per un peccatore che si pente". Oh, che ce ne siano molti tra noi! Queste saranno gemme preziose nella corona del re Gesù. Mentre molti passeranno accanto a un orgoglioso professore, questo umile cercatore, che attende Cristo, farà registrare il suo nome sulle tavole del Redentore del cuore.

Ora un'altra immagine, quella di un santo che parte, desideroso di tornare a casa, un'immagine come quella che farai tu, spero, caro amico, da e per un'immagine come quella che spero di fare quando sarà il mio turno. La battaglia è combattuta, e la vittoria è vinta per sempre. L'uomo è appoggiato nel suo letto con i cuscini, perché la vita è in rapido declino, e le forze lo abbandonano. Lo si può sentire dire, in brevi frasi spezzate, "Ho aspettato...". Ho aspettato. . . Ho aspettato la Tua salvezza, o Signore! Aspetto il Signore, la mia anima aspetta, e sulla Sua Parola spero". Perché i suoi carri attendono così a lungo a venire?". I suoi amici attraversano la stanza con un passo molto dolce; è così tranquillo e silenzioso che si sente il ticchettio dell'orologio. Aspetta il suo Signore; mentre nella sua anima interiore canta

 

“Il mio cuore è con Lui sul suo trono",

E il male può ritardare il tempo;

Ogni momento ad ascoltare la voce,

‘Alzati e vieni via’".

 

Ha chiuso gli occhi, non c'è più. È tutto finito in questo mondo; è entrato nel suo riposo. Così Gesù viene a coloro che lo aspettano. Io comincerei ad aspettarlo ora, caro fratello, quando sono ancora in salute e in forze. Aspetta e guarda la gloriosa apparizione di nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo, che è la gioia e la speranza di tutta la Sua Chiesa. Aspetta e guarda il paradiso squarciato, la discesa sull'uliveto in quel giorno in cui Egli, che è stato visto salire in cielo, arriverà in modo simile a come è salito in cielo. E se vi addormenterete prima che questo vostro desiderio si realizzi, questa sarà la vostra gioia di essere stati tra coloro che guardavano e aspettavano il vostro Signore, ed entrerete nella sua gioia. Così ho posto davanti a voi l'immagine in quattro quadri che l'occhio della mia mente vede nelle ultime parole del nostro testo: "Lo stavano tutti aspettando".

 

FINE SECONDA PARTE

UN SERMONE N°2593 DI C. H. SPURGEON,

TRADOTTO DALLA CHIESA CRISTIANA EVANGELICA PENTECOSTALE ADI DI PIACENZA.

SERMONE IN LINGUA ORIGINALE DA: www.spurgeongems.org

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.